Cattive maniere in aereo: ecco tutto quello che bisognerebbe evitare
di Laura Bolasco
Ci siamo. Il check-in è stato effettuato, i bagagli sono stati imbarcati, il passaporto è stato visionato. Siamo finalmente seduti, le cinture già allacciate, i motori dell’aereo che rombano; giusto il tempo di rilassarci e in una manciata di ore saremo a destinazione. Poi una voce al telefono. E’ lui: il passeggero che non ha nessuna intenzione di attenersi al famoso avviso “Si prega di non utilizzare dispositivi elettronici durante le fasi di decollo e atterraggio”. Ma questo, signori, è soltanto l’inizio. Dozzine di persone costrette a convivere in un abitacolo di ferro a 10.000 metri d’altezza. No, non è la trama di un film horror ma perché un viaggio diventi un vero incubo spesso bastano le sconvenienti abitudini dei nostri compagni di volo.
 
 

Ecco quindi il sedile sbragato del passeggero davanti mentre viene servito il pasto, con la conseguente impossibilità di utilizzare il proprio tavolino. Volo intercontinentale notturno? Ecco il faretto impietoso del vicino, imperterrito lettore seriale con il disturbo dell’insonnia. Passenger Shaming, l’account social delle vergogne ad alta quota attivo dal 2013, è diventato il ricettacolo di riferimento di questo tipo di pratiche, condividendo con ironia e sdegno la più screanzata inciviltà dei viaggiatori intorno al mondo.

E se il suono degli Ipad in mano ai bambini può essere risolto semplicemente consigliando l’utilizzo delle cuffie, le chiacchiere ad alta voce della coppia in luna di miele implorando un tono di voce più basso, il vero problema si crea nel momento in cui viene fisicamente invaso lo spazio altrui: piedi che fanno capolino tra i sedili, chiome fluenti che ci impallano lo schermo, l’affannosa lotta per il bracciolo all’ultima gomitata.

C’è chi crede che l’inferno sia simile ad un volo con un bambino iperattivo seduto dietro ed è incredibile pensare che esista ancora chi chiede il posto finestrino per poi alzarsi di continuo. Recuperare il bagaglio con l’aeromobile ancora in movimento ed il simbolo della cintura ancora acceso è invece il metodo prescelto dal viaggiatore medio per suscitare le ire delle hostess.

Di buono c’è che, quando meno lo si aspetta e con il livello di tolleranza ormai ai minimi termini, il tempo della convivenza giunge inevitabilmente al termine. Ma non gioite troppo in fretta: ci sarà sempre un applauso alla fine di ogni volo.
 
 
 
 
 
 
Galateo in volo: ecco una gallery su cosa non bisogna fare in aereo
Planisfero
Fotogallery