Roma, rivivono le Mura Aureliane: al via domenica le passeggiate
di Raffaella Troili
Chi fa da sè, come si dice? Mentre le Mura Aureliane continuano ad essere presidiate ma né manutenute, né valorizzate, il Comitato Mura Latine costituito dagli abitanti della zona, ha avviato un progetto dal titolo “Intorno alle Mura di Roma”, per promuovere la creazione di un parco urbano e un itinerario pedonale lungo le Mura Aureliane. «Le Mura Aureliane rappresentano un patrimonio storico culturale unico, eppure versano in uno stato di abbandono e di degrado - spiega Annabella D'Elia - La cinta muraria, nonostante la sua potenza, è un patrimonio inerte che non si è integrato al sistema urbano, non è diventato una infrastruttura per la riqualificazione della città, né una vera risorsa per i cittadini e i turisti. Da a tempo siamo impegnati sulle Mura Aureliane sia lato parco ma anche come riqualificazione e così abbiamo lanciato un progetto dal titolo "Intorno alle mura di Roma, per un parco urbano e un itinerario pedonale lungo le Mura Aureliane"».

«Assieme all'associazione Mura Latine, a Inarch Lazio e al Dipartimento di Architettura e alla progettualità della Università La Sapienza abbiamo pensato di fare le cose in grande e cioè di avviare un programma di iniziative per la riscoperta delle potenzialità delle mura e la promozione di un parco urbano e di un itinerario pedonale lungo il suo perimetro, riprendendo quindi ufficialmente le proposte e le indicazioni dell’ambito di programmazione strategica Mura individuato dal Piano Regolatore urbanistico di Roma e mai attuato». La finalità non è tanto approfondire dal punto di vista storico archeologico il recinto delle mura, su cui esistono ricerche molto avanzate, ma cercare di sviluppare un percorso partecipato per rilanciare il progetto Mura affinché venga realmente finanziato secondo una procedura per fasi e per parti (pedonalizzazione, sistemazione a parco, riqualificazione monumentale e urbana).

«Con il programma Intorno alle Mura di Roma si vuole riportare l’attenzione della cittadinanza, delle istituzioni, degli operatori pubblici e privati su una risorsa straordinaria, che va riscoperta come bene comune e riproposta come grande progetto urbano capace di interpretare e riqualificare le relazioni tra il cento città e la sua prima espansione». Il programma si articola in 4 camminate pubbliche e alcuni seminari di approfondimento e dibattito. L’obiettivo è ripercorrere il perimetro murario (in origine di circa 19 Km), valutarne le condizioni, le relazioni funzionali, le criticità, le potenzialità, per definire in ultimo un progetto per un parco urbano ai piedi delle mura. Oltre le camminate sono previsti appunto 2 incontri. Il primo presso il Museo delle Mura (metà di novembre, sono in attesa del'ok della Sovrintendenza), il secondo rappresenterà l’evento finale: verranno esposti i progetti raccolti durante le passeggiate o quelli messi a disposizione dalla Sovrintendenza di Roma o dalle Università italiane e straniere o dai Municipi o Comune stesso o dalle Associazioni territoriali.

La prima camminata è in programma per domenica primo ottobre: ore 10 nel tratto Santa Croce - Porta San Sebastiano, le altre saranno a cadenza mensile e riguarderanno i seguenti tratti: Santa Croce - Porta Pia Porta Pia - Piazzale Flaminio, Porta San Sebastiano a Porta Portese. L'iniziativa è patrocinata dal Parco Regionale dell'Appia Antica e dal Municipio VII. Hanno già aderito: Legambiente, Grab+, Comunità Territoriale VII Municipio, Carteinregola,  Uria (Unione Romana Ingegneri e Architetti), Urbanita, Roma Puoi dirlo Forte. Elebike, Visure Acatastali, Amici del Parco di Carlo Felice, Laboratorio Progetto Celio.
Planisfero
Fotogallery