Zanzibar, 15 cose da fare assolutamente nell'isola della Tanzania
di Francesca Spanò
Zanzibar, 15 cose da fare assolutamente nell'isola della Tanzania
Il mare color Tiffany crea un contrasto perfetto con gli abiti di ottimo cotone africano dai toni caldi dell’arancio, del giallo e del rosso. E poi il fenomeno delle maree, le stelle marine rosso scuro oggetto di indiscriminati selfie e le onnipresenti palme verdi a far da sfondo a tutte le foto. Siamo abituati a un’immagine classica quanto perfetta della deliziosa Zanzibar, location paradisiaca per gli sposi in luna di miele, per le famiglie in cerca di relax o per chi desidera scoprire il contatto più vero con un continente che incanta.

Le mete di tendenza quest’anno? Ecco le destinazioni da sogno da prenotare per le prossime vacanze

Eppure come tutte le destinazioni idilliache va vissuta con calma e scoperta negli scorci meno turistici, per poter dire di essere riusciti a catturare quell’attimo che resterà per sempre imprigionato nell’angolo più profondo del cuore. Non è il caso dunque di affannarsi per vederne ogni centimetro, l’ansia impedirebbe di vivere al meglio la prima attività: quella di dedicarsi al dolce far niente sulla spiaggia. In più, costringerebbe a perdere anche la seconda: quella di iniziare una serie di tour in fai da te dal sapore romantico, avventuroso, fuori dal tempo e unico. A ognuno il suo giro, insomma, l’importante è che sia organizzato in versione slow.

Le esperienze a Zanzibar che proprio non puoi perdere
  1. La gita in dhow a vela triangolare: fa parte delle imbarcazioni tipiche del luogo, una vera icona nautica dell’Africa orientale. Se è vero che sempre più spesso queste vengono sostituite da modelli più moderni, è sicuro che per lo scatto perfetto non c’è storia. E in più permettono di fare un salto nel tempo e vivere la traversata in versione tradizionale. Il momento migliore? Di solito al tramonto, per chiudere la giornata ipnotizzati dalle onde, sorseggiando una bevanda rinfrescante.
  2. Mangiare pesce a Unguja: inutile dire che è sempre freschissimo e appena pescato, ma la vera delizia è rappresentata dalla cucina swahili che riguarda la maggior parte dei locali presenti in zona. Mescola, infatti, il meglio delle tradizioni africane con quelle arabe, indiane e dell’Estremo Oriente. Da provare assolutamente.
  3. Il tour delle spezie: a Zanzibar è comune visitare le fattorie dove la produzione è affidata alle famiglie. Qui sarà possibile prima di acquistare eventualmente, toccare, annusare e provare tutte le specialità presenti e portarle a casa per ricordare i piatti assaggiati o per insaporire i propri.
  4. Una passeggiata a Stone Town: Africa e Oriente si mischiano perfettamente in un dedalo di strade tipiche e suggestive. Tra vicoli, dimore e palazzi decadenti, ci si sente immersi in una realtà parallela ma altrettanto ipnotica.
  5. Snorkeling e immersioni che passione: le acque sono cristalline e i pesci tropicali non si contano, ovvio che vederli da vicino è un’emozione che non ci si può lasciare sfuggire in ogni caso.
  6. Alla ricerca dei delfini nel mare blu: allontanadosi dalla riva, nelle acque protette della riserva marina della baia di Menai, la sorpresa di queste creature guizzanti può essere dietro l’angolo.
  7. Accarezzare le tartarughe giganti: è d’obbligo consigliare di fare attenzione, visto che non sono proprio docili. In ogni caso, nell’isola di Changuu (o Prison Island) vivono queste creature lontane parenti dei dinosauri.
  8. Tintarella al sole: dedicare qualche ora al relax in spiaggia è normale. Questo è il paradiso di distese di sabbia bianca come cipria e acque turchesi, ma attenzione al sole che essendo molto forte, qui scotta.
  9. Escursioni nella foresta: nello specifico in quella di Ngezi, la più interessante dell’isola di Pemba, il posto perfetto per lasciarsi incantare tra latifoglie, rampicanti e radure sacre, abitate da gufi e scimmie.
  10. La scoperta delle rovine medievali: la storia di Zanzibar sorprende a volte ed è così che si trovano anche fortezze risalenti all’epoca d’oro della civiltà mercantile swahili.
  11. Un tour fino a Nungwi: cittadina molto vivace e amata, ormai è abbastanza turistica ma non mancano i ristoranti di pesce fresco, un vero acquario marino naturale e tramonti da cartolina.
  12. Alla scoperta di Forodhani Gardens: si tratta del mercato alimentare serale di Stone Town sul lungomare, dove provare una varietà innumerevole di pesce in una magica atmosfera lunare.
  13. Ritrovare le celle degli schiavi a Stone Town: si tratta di galere sotterranee dove gli schiavi venivano ammassati prima del giorno del mercato e della possibile vendita.
  14. Mercato di Stone Town: dove trovare di tutto, dagli alimenti alla tecnologia.
  15. La foresta di Jozani: una selva primordiale fresca e umida dove avvistare tante specie colorate, a partire dai camaleonti.
Zanzibar, isola delle meraviglie
Planisfero
Fotogallery